Paolo Caccia Dominioni di Sillavengo

(Nerviano, Milano 1896 – Roma 1992), architetto, ingegnere, pittore, formidabile disegnatore, illustratore e scrittore. Personalità di livello internazionale, fu attivo dalla fine degli anni ‘50 alla seconda metà degli anni ‘80 a Gorizia e nel Friuli Venezia Giulia, lasciando in questi luoghi un segno indimenticato. Nel centenario della Grande Guerra, che lo vide presente sul Carso goriziano dal 1916 al ‘18, la rassegna appare quanto mai opportuna nell’approfondire questa straordinaria e modernissima figura di artista e d’intellettuale, che da cronista imparziale e con affascinante, inconfutabile talento, ha saputo raccontare e interpretare la storia attraverso l’arte visiva e la scrittura.
Marianna Accerboni, architetto e critico d’arte