VI^ Edizione di Musica ControCorrente

MUSICA CONTROCORRENTE SBARCA A ROMA.
IL CALENDARIO DEFINITIVO DELLE FINALI. I NOMI DEI GIURATI.

Roma, Teatro San Genesio. Dal 29 settembre al 3 ottobre 2010. Sono queste le nuove coordinate che riguardano le cinque serate finali della VI^ Edizione di Musica ControCorrente. Il concorso nazionale della canzone d’autore che muove i passi dalla storia dei grandi artisti italiani, storicamente considerati scomodi e innovativi.

Novità assoluta di questa sesta edizione è la scelta della location che ospiterà la cinque giorni conclusiva dalla quale uscirà il nome del vincitore 2010. Dopo aver toccato Poggio Bustone, Fiuggi, Sezze, ora il concorso sbarca a Roma, ospite del XVII Municipio, puntando a divenire un punto di riferimento per la musica d’autore nazionale nella capitale. Pronto ad accreditarsi come l’unico concorso “d’autore” di caratura nazionale attualmente attivo sul territorio romano. Sullo stesso territorio che fin dalla costituzione ospita la sede dell’omonima associazione responsabile e ideatrice del progetto.

“Ho fatto girare Musica Controcorrente  per tutta l’Italia” – ha motivato la sua scelta Sergio Garroni, storico patron del concorso – “Dal nord a sud con grande fatica personale. Poi mi sono reso conto, io “romano de’ Roma” che non esisteva un concorso di livello nazionale che risiedesse nella mia città. Quindi per questa sesta edizione e per quelle future ho preso la decisione di portare Musica Controcorrente nella capitale. Dove da sempre ha sede la nostra associazione.”

Il palco che ospiterà i cinque appuntamenti che comporranno le finali sarà quello del Teatro San Genesio, in Via Pogdora 1, storica sala nel quartiere “Della Vittoria”, inserito nel complesso della Chiesa del Sacro Cuore di Cristo Re inaugurato nel 1934. Un palco suggestivo, situazione inedita per il concorso, che rende la sfida di Musica ControCorrente ancor più affascinante.

Chiuse le fasi di preselezione e dei quarti di finale,  grazie alle quali è stata composta la rosa dei 35 artisti nella quale la giuria scoverà il nome del vincitore, si attende ora l’inizio delle fasi conclusive del cuore della manifestazione.

Le fasi di finale si terranno in 5 giornate dal 29 settembre al 3 ottobre 2010.  Nel corso delle prime tre serate dai 35 selezionati ne usciranno 16. I 16 semifinalisti si esibiranno nella quarta serata durante la quale verranno votati gli 8 autori finalisti che si esibiranno nell’evento conclusivo. Nelle prime tre giornate gli artisti si esibiranno con il proprio brano inedito e con la propria interpretazione di un brano di Bruno Lauzi, l’Autore ControCorrente della VI^ Edizione.

Nella quarta serata i 16 semifinalisti si esibiranno unicamente con il loro inedito. Gli otto aventi diritto alla finale si esibiranno infine il 3 ottobre e dovranno presentare di nuovo sia il brano inedito che la cover di Lauzi, da loro riarrangiata. Gli otto saranno anche gli unici che concorreranno per aggiudicarsi i premi assoluti. Tutti i 16 semifinalisti invece concorreranno per assicurarsi tutti i premi speciali.

Completata anche la giuria, con nomi, professionisti di assoluto livello che andranno ad affiancare nel corso delle serate finali la “giuria tecnica di base” che segue invece gli artisti fin dall’inizio delle fasi preliminari e delle eliminatorie. Questi i nomi dei giurati:

Giuria tecnica di base:
Alessandra Carnevali (Autrice, giornalista, blogger)
Stefano Jurgens (Autore televisivo, paroliere)
Giovanni Pirri (Giornalista – ALLINFO.IT)
Paola De Simone (Giornalista)
Sergio Garroni  (Musica Controcorrente)

Giuria implementata di finale:
Leopoldo Lombardi (Presidente A.F.I.)
Pino Scarpettini (Presidente F.I.O.F.A)
Tony Vandoni (Direttore artistico Radio Italia e Video Italia TV) Rita Speranza (Autrice RAI)
Leonardo Metalli (Giornalista RAI)
Gian Stefano Spoto (Vicedirettore Rai International TV)
Cinzia Fiorato (Giornalista RAI)
Maestro Mario Fabiani ( I.S.I. Produzioni)
Carmine Torchia (Cantautore)

Questi i nomi degli artisti in rosa che sottoporranno le proprie esecuzioni alle loro votazioni:

Giulia Anania (Ritratto di famiglia)Roma, Matteo Battellini (Cercandoti dentro)Gubbio (PG), Federico Bergonzoni (Oblio)Bologna, Francesco Bolognesi (Belli e brutti)Roma, Claudio Calandra (Fiamma d’estate)Wolfsburg (Germania), HYPE (Lady Lane) Bari, Riccardo Cicerchia (l’Avventura di un’estate fa’)Paliano (FR),  Gianluigi Cosi (I bambini delle strade) Brindisi, Colmena (Soldato semplice)Roma, Mario Crisafulli (CRISA) (Nonno sapiens)  Milazzo (ME), Stefano Cumbo (Notte)Città di Castello (PG), Francesca D’Ausilio SHINE (Sola con me)Roma, Enrico De Lotto (Uomo di guerra)  Torino, VERDI’ (Amo Irene) Orvieto (TR), Roberto Galanto (Spiove) Cisternino (Brindisi),  Eleonora Gangi (Dentro me) Roma, Walter Gerola (La fuga nel vento)Rovereto (TN), Domenico Imperato (Riposa)Spoltore (PE),  Giacomo La Riccia (Complice)Bruxelles (Belgio), Stefano Marelli (Sull’etere)Berzano di Tortona (AL), Giulia Menculini (Le stelle stupide)Perugia, Fabio Michelacci (L’uomo nero)Bagnacavallo (RA), Michele Nucciotti (Movimenti a vuoto) Roma, Fiammetta e Serena (La cartomante)Ragusa, Salvatore Gabriele Maria (Fragile wisky)Messina, SHIMIK  (lo so)Roma, Paolo Segnini (L’ombra del padre)Noale (VE), Pietro Sorano (L’ultima stella che c’è) Modena, Massimo Sorgente (Maronna mia aiutame) Baronissi (SA), Piero Spina (Il richiamo del padrone)Crotone,  Ivan Talarico (Botta e’ tangu)Roma, Dario Tinucci (La miccia)Milano,  Giuseppe Tomassini (La prossima generazione)Senigallia, Linda Trinchillo  IRIS (Fuori dalle favole) Cagliari,  Pietro Verna (Genova)Adelfia (BA).

E in conclusione, sono stati annunciati i primi nomi, ospiti che interverranno nelle serate finali. Artisti amici di Musica Contro Corrente, che hanno intrecciato la propria storia e la propria carriera con quella del concorso. Sono: Carmen Serra (“No self control” nuovo album in circolazione da maggio 2010), Andrea Epifani (Premio della critica e Premio Unimarche Miglior Testo Musicultura 2010),  Mik3lino (vincitore Musica ControCorrente 2008).

 
 

 

MUSICA CONTROCORRENTE
Direttore Artistico: Sergio Garroni

Info:
www.musicacontrocorrente.it
info@nullmusicacontrocorrente.it
Tel: 06 3216870
Mob: 328 383 5000

Ufficio stampa:
Corrado De Paolis
corrado.depaolis@nullgmail.com
Mob: 339 7631909

Marta Volterra, Giornalista
http://www.linkedin.com/in/martavolterra

 


 

 

Intervista a Sergio Garroni creatore, e direttore artistico, del Concorso Nazionale della Canzone d’Autore “Musica Controcorrente", una delle più longeve rassegne italiane dedicate alla musica d’autore. Un contest che coinvolge ogni anno le più interessanti proposte cantautoriali nazionali  e che, finalmente, sbarca a Roma pronto per accreditarsi come l’unico concorso “d’autore” di caratura nazionale della capitale.

D:Come è nata Musica Controcorrente?

R: Nel 2004 mi sono trovato, casualmente, in quel di Poggio Bustone, paesino del reatino meglio noto come il paese che dette i natali a Lucio Battisti. Ho chiesto se, in sua memoria, si fosse mai fatto nulla e mi fu risposto di no, anche per l’ostracismo della vedova di Lucio che non desiderava che il nome del marito fosse sfruttato per lucrare e fare business.
Il sindaco del paese, Alessandro Cerroni,  però desiderava fare, comunque, qualcosa per ricordare Lucio e io, casualmente in zona, ho creato “ letteralmente dal  nulla”, un Concorso per la Canzone d’Autore che chiamai  Musica Controcorrente, strizzando l’occhio al fatto che, l’autore Controcorrente della prima edizione sarebbe stato proprio Lucio Battisti. Concedendo una chance anche nella speranza che la vedova di Lucio una volta conosciuta l’idea avesse potuto  cambiare idea.
Questo non accadde ed io, con l’aiuto del sindaco del paese, nonostante un uragano atmosferico riuscii a portare a termine il concorso, realizzando la prima edizione di Musica Controcorrente nei locali del Consiglio Comunale di Poggio Bustone (soppressa la prima serata per nubifragio, la seconda avrebbe avuto lo stesso destino se non avessimo individuato un’alternativa, nella sala Consiliare, stipati e stretti ai limiti dell’inverosimile.)
Il mio intento era quello di dare voce ai tanti autori e cantautori emergenti.

D: perché Controcorrente?

R: Controcorrente  non nel senso di trasgressione formale, bensì per controtendenza rispetto all’usuale.
Controcorrente per la libertà di poter esprimere musica a 360 gradi senza condizionamenti stilistico – formali con lo spirito, e la speranza, che le voci nuove del cantautorato italiano, potessero risvegliarsi attraverso il mio concorso, guardando ai grandi del passato per essere, forse,  grandi del futuro.
Artisti  scelti da giurie indipendenti, alle quali va il mio ringraziamento, non condizionabili da giochi di palazzo o di sottobosco. 
Prova di questo furono ad esempio gli strali della zona reatina piovuti addosso a me dopo che nessuno dei concorrenti reatini entrò in finale.
Controcorrente quindi, indipendenti, nuovi e senza “santi in paradiso”, con le proprie forze. Se ripenso alla prima edizione, al netto dei contributi che riuscii ad ottenere da Comune, Comunità Montana e dalla Fondazione Varrone, restai con il cerino in mano per 12.000,00 €.  Partimmo da zero, ma convinti. E ora siamo arrivati fino a questo punto.

D:Ormai il concorso ha alle spalle una storia lunga che ha visto protagoniste da tutta Italia le nuove leve della musica d’autore. Dal 2005 a oggi cosa è successo? Come è cresciuto Musica Controcorrente?
R: E’ cresciuto molto nell’organizzazione, da me personalmente seguita, nella casuale presenza di cantautori bravissimi che hanno tributato a Musica Controcorrente l’onore di poterli ospitare, e alcuni dei quali già con risultati alle spalle, quali ad esempio Carmine Torchia, architetto calabrese, che ha lasciato la sua professione per fare, unicamente il cantautore.
Di lui è uscito il suoi primo album “ Mi pagano per guardare il cielo” già venduto in 2000 copie.

D:E infine nel 2010, per la prima volta, Musica Controcorrente sbarca a Roma, portando con se’ i nuovi autori e tante buone proposte. Perché Roma?

R: Perché Musica Controcorrente l’ho fatta girare per tutta l’Italia, dal nord a sud con grande fatica personale ma poi mi sono reso conto, io “romano de’ Roma”, che non esisteva un concorso di livello nazionale che risiedesse nella città di Roma, dove ha sede la nostra Associazione Musica Controcorrente.
La maggioranza dei concorsi di livello nazionale, esclusi pochi, si rifanno e mutuano consensi e finanziamenti dai comuni d’origine di grandi artisti del passato scomparsi; insomma nascono dedicati all’autore X anziché Y. I comuni lo fanno per attrarre l’attenzione sulla propria realtà ed è per questo che li finanziano.
Roma non ha bisogno di attrarre l’attenzione di nessuno, lo fa da sé da millenni e io ho cercato, una formula, “Controcorrente” per attrarre l’attenzione, prima degli artisti di tutta Italia, e quindi quella degli addetti alla musica, allo spettacolo e alla cultura per fare capire che esiste una realtà giovanile sana e la musica, non bombardata dai decibel,  fa bene.

D:Musica Controcorrente punta a diventare l’appuntamento capitolino della musica d’autore?

R: Assolutamente sì e lo conferma il fatto che la giuria della 6^ Edizione è di tale livello che non potrà non parlarsene, per non parlare della conduttrice delle finali, la  nota voce di Rossella Diaco di Rai International.

D: A proposito di musica e musica d’autore, sembra sempre più che si stia creando un’opposizione tra talent show (televisivi, commerciali, (sostanzialmente “troppo pop”) e i contest, veri momenti d’incontro della musica d’autore, quella che in televisione si trova poco ma che arricchisce il panorama musicale inedito italiano. Come la vedi questa divisione? Come si colloca Musica Controcorrente?

R: La musica, in qualunque forma sia portata, fa bene, perché smuove e così fanno  anche i talent show perché il loro compito (secondario perché il primo è il business) è di attrarre, attraverso il potente mezzo televisivo, tanti giovani. Inoltre, tanti autori potranno offrire le loro canzoni a questi interpreti di talent, insomma si apre uno spiraglio.
Quello che è brutto, e deleterio però, è che molti giovani confondono lo spettacolo con il” possibile del loro futuro” creandosi false illusioni di successo e dedicando, ad esso, tutte le loro energie prostituendosi, alcuni di loro, concettualmente e di fatto e perdendo di vista il sano, duro e lungo lavoro necessario per raggiungere, ogni meta. La musica è per tutti ma far bene il proprio lavoro e seguire le proprie  passioni è per pochi; questo va detto.

D: Ora è la volta della finale 2010, ma sappiamo che già stai lavorando all’edizione 2011 di Musica Controcorrente, con tante novità, ospiti ecc …cosa ci aspetta per l’edizione 2011?

R: Dall’edizione 2011  mi aspetto un grande afflusso di partecipazione ed io prometto “solennemente” di dedicare il mio tempo a loro realizzando, sulla Piazza di Roma, il più importante Concorso Nazionale della Canzone d’Autore che, chiusi i battenti del Concorso vero e proprio li aprirà per una serie di eventi live in tutta le regione del Lazio ma anche sul territorio Nazionale con, almeno, un locale  C.E.d.M. pronto ad ospitarli per dare dignità alla loro scelta artistica e di vita. Non chiedetemi il significato della sigla C.E.d.M. lo saprete a tempo debito.

Seguiteci amici. L’Associazione Musica Controcorrente vive per e con voi.



















 

 

more recommended stories